Parassiti in cucina? Ecco come mantenerli alla larga

Marco Prunali

Marco Prunali

Presidente della EDM Società Cooperativa

Le cucine sono sempre state un luogo di ritrovo in casa; tuttavia, ci sono alcuni visitatori sgraditi che i proprietari di case preferiscono non ritrovarsi nel luogo in cui cucinano e mangiano i loro pasti. Scarafaggi, roditori, moscerini della frutta e parassiti della dispensa possono facilmente trovare la loro strada nelle cucine contaminando gli alimenti, diffondendo i batteri e rovinando uno spazio “sacro” in casa. Dato che molte famiglie si preparano per le festività natalizie, che coinvolgono molta cucina, cottura e avanzi, gli esperti EDM di Pronto Disinfestazioni, ricorda ai proprietari di case di ricordare che questo è anche il periodo dell’anno in cui molti parassiti sono alla ricerca di cibo e riparo, spesso all’interno delle case.

Pericoli derivanti dai parassiti in cucina

Scarafaggi

Potrebbe non esserci nulla di più brutto alla vista di uno scarafaggio che corre in un angolo o sotto il frigorifero mentre entri in cucina, ed a ragione. Gli scarafaggi diffondono 33 tipi di batteri tra cui Escherichia coli e salmonella, sei vermi parassitari e più di sette altri tipi di agenti patogeni umani. Inoltre, la loro saliva, escrementi e corpi in decomposizione contengono proteine ​​allergeniche note per scatenare allergie e aumentare la gravità dei sintomi dell’asma.

Roditori

Ogni inverno questi portatori di malattie dai denti affilati invadono migliaia di case, portando con sé una serie di pericoli. Topi e ratti diffondono batteri della salmonella e hantavirus e possono trasportare altri parassiti che causano malattie, come zecche, pulci e pidocchi. I roditori possono anche masticare attraverso legno e fili elettrici aumentando il rischio di incendi domestici. Prevenzione è il nome del gioco con i roditori, perché quando si spostano, si riproducono rapidamente. Un topo femmina può avere fino a 12 bambini ogni tre settimane!

Moscerini della frutta

Contrariamente alla credenza popolare, queste mosche non provengono dall’interno del frutto in decomposizione e non nascono spontaneamente da frutti in decomposizione. Invece, sono in grado di rilevare il lievito prodotto dalla fermentazione della frutta, anche da grandi distanze. Una volta identificato un obiettivo, hanno pochi problemi a raggiungerlo poiché le loro dimensioni ridotte consentono loro di entrare in una casa attraverso minuscole crepe e fessure. La maggior parte delle finestre ed infissi non li ferma.

Parassiti della dispensa

Questi insetti tendono a riunirsi intorno al cibo spesso conservato in dispense e armadietti come farina, cereali secchi, spezie, caramelle e cioccolato. I parassiti della dispensa comuni includono diversi tipi di coleotteri, falene e formiche.

parassiti in cucina

La prevenzione come prima linea contro i parassiti in cucina

Pronto Disinfestazioni Roma raccomanda le seguenti misure preventive per garantire che la cucina e la dispensa rimangano liberi da parassiti.

  • Elimina immediatamente eventuali briciole o perdite da controsoffitti, tavoli, pavimenti e scaffali.
  • Conserva gli alimenti in contenitori ermetici e smaltisci regolarmente i rifiuti in contenitori sigillati.
  • Acquista cibo solo in confezioni sigillate che non mostrano alcun segno di danno.
  • Aggiungi una foglia di alloro a contenitori e confezioni di prodotti secchi come farina, riso e altri cereali: il loro profumo pungente respinge molti parassiti della dispensa.
  • Controlla le date di scadenza degli ingredienti di cottura prima dell’uso.
  • Se tieni la frutta fresca sul bancone, controlla spesso segni di maturazione eccessiva o decadimento. Poiché le mosche femmine della frutta depongono una media di circa 500 uova sulla superficie della frutta in fermentazione, è meglio smaltire la frutta nei bidoni della spazzatura all’aperto per evitare che quelle uova si schiudano nella spazzatura interna.
  • Esegui regolarmente lo smaltimento dei rifiuti.
  • Non lasciare che i piatti sporchi si accumulino e rimangano nel lavandino per lunghi periodi di tempo.
  • Non lasciare cibo per animali e ciotole d’acqua con resti per lunghi periodi di tempo.
  • Controlla eventuali danni negli infissi, negli stipiti e nelle finestre di casa.
  • Ripara tutto ciò che possa creare umidità, come tubi che perdono e gli scarichi intasati.
  • Sigilla crepe e fessure all’esterno della casa e intorno alla cucina, in particolare intorno alla stufa e alle tubature dell’acqua.

Se sospetti un’infestazione da parassiti nella tua casa, contattaci subito per ispezionare, identificare e trattare il problema.

Condividi il post:

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su email
Hai bisogno di un professionista?

Altri articoli della stessa categoria

Hai bisogno di un professionista?